sabato 23 luglio 2011

CIAMBELLE SALATE ALL'ANICE


E' un lievitato salato tradizionale della Sabina, si preparano, secondo diverse varianti dovute ad abitudini famigliari e di territorio, nella provincia di Rieti e ai margini del confine umbro. Si usa mangiarle a colazione o "pucciate" (ma non è un termine locale) nel vino dopo pranzo. Non possono non mancare sulla tavola pasquale di queste zone, ma si preparano tutto l'anno e si trovano in ogni rivendita alimentare o forno dei paesi di questa meravigliosa terra.
INGREDIENTI
3,3 Kg. di farina
1 etto scarso di sale
1 litro di olio evo sabino
3 uova
1 etto di anice (pulito immergendolo nel vino bianco e asciugato passandolo in un canovaccio da cucina)
1 litro di vino bianco
1 etto di lievito di birra
1/2 litro di latte
Preparazione
Fare il lievitino con il latte appena tiepido e un po' di farina.
Quando il composto è ben lievitato, Fare la fontana con la farina su una grande spianatoia di legno e inserire al centro il lievitino e man mano tutti gli altri ingredienti. Con una forchetta o una frusta, cominciare ad amalgamare pian piano il composto, avendo cura di non far tracimare i liquidi fuori dalla fontana di farina, far assorbire pian piano la farina all'impasto e quando comincia a prendere corpo, cominciare ad impastare con le mani fino ad ottenimento di una massa omogenea ed elastica. A questo punto, mettere l'impasto a lievitare in un recipente capiente, coperto e al riparo da correnti  fredde. Dopo circa tre ore, sgonfiare reimpastando e formare delle ciambelle che metteremo di nuovo a lievitare fino al raddoppio. Infornare a 180' per circa un'ora verificando la doratura delle ciambelle. Quando vengono cotte al forno a legna, tradizionalmente al momento dello sforno, vengono passate con un canovaccio intriso nel vino bianco, questo serve a pulire la parte rimasta a contatto con il pavimento del forno e a lucidare le ciambelle. Tenere presente che l'impasto può essere utilizzato anche per preparare, delle mini ciambelline o,  meglio, dei mini croissant salati da servire in occasione di buffet o per arricchire il cestino del pane.

Nessun commento:

Posta un commento